.:.:. FIRMA LA PETIZIONE PER LA LEGALIZZAZIONE DEL P2P .:.:. 

16 ottobre, 2006

Chi parla dell'Africa?

Ieri sera sono andato al cinema a vedere WORLD TRADE CENTER.

Che dire?

Bel film, bel cast (Nicolas Cage è fantastico nella parte del sergente John McLoughlin), ottima colonna sonora...insomma, proprio un bel film!

Certo, mi spiace molto per le vittime dell'11 Settembre 2001.

Su questo non si discute!

Però....diciamolo: la sciagura è stata strapubblicizzata e strastrumentalizzata dal governo americano!

Ed è proprio questo che mi fa incavolare!

Basti pensare al fatto che, ogni giorno in un continente chiamato AFRICA, muoiono migliaia di persone.

Ma di questo nessuno ne parla!

E su questo nessuno ci fa un film!

Signori miei, questo è quello che accade in Africa ogni giorno:

7 Comments:

Anonymous K.Hiei said...

Avete notato che al telegiornale quando parlano di un qualcuno che morto,se questo è di nazionalità diversa,o anche uno che vive in Italia da anni(Come ad esempio un Rumeno,un Tunisino,un Francese,ecc.),l'ho dicono subito?,stesso discorso se compie un dilitto,tipo"Un Rumeno ha rapinato un negozio...","Un uomo di una comunità Cinese ha aggredito..."...è evidente che ci sono differenze fra uomini e uomini,o almeno così la società fa sembrare.

Non importa quanta gente muore in Africa,per la maggior parte del mondo sono come gli animali che muoiono,senza nessuna importanza(O un importanza minima).

16 ottobre, 2006 17:07  
Blogger Fallagirare.Staff said...

E' deprimente...

16 ottobre, 2006 17:15  
Anonymous enrix said...

Come hai detto, come hai detto?...hai visto l'ultimo film di O.Stone? E non dirmi che secondo quel registone l'attentato alle torri è stato strumentalizzato dal governo americano!
Incredibile, conoscendo Oliver Stone mi sarei aspettato qualcosa di scontato, di noioso, di filogovernativo.
E invece ecco la sorpresa.
Un'avvincente autodenuncia (si dice così, quando gli artisti americani fanno autocritica, in quanto americani che criticano il proprio paese) in perfetto stile american-pop, che tra l'altro rappresenta una novità assoluta, perchè sull'attentato al WTC nessuno si era mai permesso sino ad ora di accusare di qualcosa il governo americano.
Bravo Oliver! Sempre controcorrente, coraggioso e col ventoinpoppa.
Peccato che io, da quando ho visto "the doors", orrenda e penosa mistificazione della vita di jim morrison, ho giurato che non sarei mai più entrato in una sala dove proiettassero un suo film.
Ed io mantengo sempre le promesse.
Mi dispiace davvero.

16 ottobre, 2006 18:12  
Blogger Fallagirare.Staff said...

No Enrico, Oliver non ha messo di mezzo la politica!

Ha semplicemente ricapitolato la vicenda da un punto di vista umano, narrando la storia di due poliziotti tra la vita e la morte!

Ciao.

16 ottobre, 2006 22:48  
Anonymous enrix said...

Ottimo. Allora lo guardo. Ma in TV. Ho giurato....

ciao!

16 ottobre, 2006 22:51  
Blogger Fallagirare.Staff said...

:) Poi fammi sapere se ti è piaciuto!

17 ottobre, 2006 14:09  
Anonymous guerrilla radio said...

ci pregano di diffondere l'appello, vi invitiamo a fare altrettanto:


IL FUTURO DI OGNI GIOVANE PALESTINESE
RAPPRESENTA
IL DOMANI DELLA STESSA LOTTA PALESTINESE.

T.D. è un ragazzo palestinese che, dopo molte difficoltà, è finalmente riuscito a proseguire i propri studi universitari in Italia frequentando un master in State Managment and Humanitarian Affairs all'università di Roma La Sapienza.

Il master ha una durata di 1 anno e mezzo e prevede la partecipazione ad uno stage di circa tre mesi presso ONGs e/o associazioni nazionali e internazionali.
Per i giovani palestinesi è molto difficile avere la possilità di studiare all'estero: gli ostacoli per ottenere i documenti e il visto sono molteplici e i sacrifici economici che le loro famiglie devono affrontare sono enormi, a volte impossibili da sostenere.

T. è stato finora fortunato riuscendo a raccogliere i soldi necessari per gli studi, ma le speranze che ha riposto in questo master rischiano di svanire se non trova una ONG di rilievo presso la quale svolgere uno stage significativo per il suo futuro professionale e che gli permetta di portare avanti, attraverso gli studi ed il lavoro, il suo impegno per la Palestina.

FAO, World Food Programme, UNHCR ... queste sono alcune delle importanti realtà che operano nella cooperazione internazionale e diritti umani.
Chiedo a chiunque di voi avesse un contatto in una di queste organizziazioni (o altre ONG operanti nello stesso campo) di scrivermi: un nominativo, un numero di telefono, un indirizzo email al quale inviare la candidatura di T. o più semplicemente un suggerimento; questo è l'aiuto che chiediamo ora.

Potete contattarmi via email a questo indirizzo: walla.riham@gmail.com
Riham.

http://guerrillaradio.iobloggo.com/

18 ottobre, 2006 01:57  

Posta un commento

Links to this post:

poisted

Crea un link

<< Home

Liste Civiche Nuovo Rinascimento
 

Google
Web falla-girare.blogspot.com
 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Giornalismo su BLOO.it

Bloggoteka

Blog-Show la vetrina italiana dei blog! ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Superba.it

SpazioLink.com>

Blogarama - The Blog Directory  

L'autore del blog NON si assume alcuna responsabilità sui contenuti dei commenti. I commenti ritenuti offensivi o non attinenti potranno essere cancellati. Per qualsiasi informazione: fallagirarestaff@yahoo.it