.:.:. FIRMA LA PETIZIONE PER LA LEGALIZZAZIONE DEL P2P .:.:. 

04 febbraio, 2007

Il silenzio conta + di mille parole!

Stimo Pippo Baudo, è un gran presentatore, ma la sparata contro il Papa se la poteva evitare!

Infatti oggi, il presentatore di origine siciliana, ha inveito (inaspettatamente) contro Benedetto XVI e la Chiesa Cattolica.

A che pro?

Leggete, leggete: "La festa di Sant'Agata non andava fatta. Domani ci saranno i funerali del poliziotto morto ma ci sarà anche la processione della statua. Invece la Bara di Raciti doveva essere in chiesa sotto la statua. Il dovere della Chiesa è essere vicini ai problemi sociali. Oggi il Papa non ha detto una parola nell'Angelus. Il problema di Catania - ha aggiunto Baudo - è un problema culturale e di classe dirigente".

Mah, proprio non capisco!

Ma l'ha sentito realmente l'Angelus Pippo?

Rinfreschiamogli la memoria al Pippo nazionale:

"CITTA’ DEL VATICANO, domenica, 4 febbraio 2007

Cari fratelli e sorelle!

Quest’oggi si celebra in Italia la Giornata per la vita, promossa dalla Conferenza Episcopale sul tema: 'Amare e desiderare la vita' [...]

La vita, che è opera di Dio, non va negata ad alcuno, neppure al più piccolo e indifeso nascituro, tanto meno quando presenta gravi disabilità (si riferiva all'aborto?). Allo stesso tempo, facendo eco ai Pastori della Chiesa in Italia, invito a non cadere nell’inganno di pensare di poter disporre della vita fino a 'legittimarne l'interruzione con l’eutanasia (si riferiva a Welby?), magari mascherandola con un velo di umana pietà' [...]

Sappiamo bene come la famiglia fondata sul matrimonio costituisca l’ambiente naturale per la nascita e per l’educazione dei figli, e quindi per assicurare l’avvenire dell’intera umanità. Sappiamo però pure come essa sia segnata da una profonda crisi e debba oggi affrontare molteplici sfide (si riferiva ai PACS?). Occorre pertanto difenderla, aiutarla, tutelarla e valorizzarla nella sua unicità irripetibile".

Allora, Baudo, cosa dicevi?

La Chiesa non è vicina ai problemi sociali?

Non credo proprio. E' la prima a battersi in difesa della vita e della PACIFICA CONVIVENZA!

Omettere di parlare del poliziotto ucciso è segno di indifferenza?

No, forse è tutt'altra cosa!

Forse ha volutamente evitato di parlare del caso Raciti (come lo chiamano i giornalisti), forse ha preferito pregare in silenzio per la morte di quell'uomo, e forse in questo preciso momento lo sta facendo anche per altre persone, allo stesso modo vittime dell'ignoranza, della violenza e della stupidità umana!

Che ne pensi Pippo?

19 Comments:

Anonymous Jack said...

Detto tra noi, tra i due discorsi che hai citato e' quello del Papa ad essere fuori luogo.

05 febbraio, 2007 01:41  
Blogger finardi said...

apro il banco delle scommesse,ch si gioca che da questo post nasce una diatriba lunga e interminabile con toni sempre più accesi?

VENGHINO SIORI VENGHINOOOOO!!!!!!
SI APRE IL BANCO.

H letto il tuo profilo jack,stessi interessi,cambia solo l ordine.

05 febbraio, 2007 09:23  
Blogger K.Hiei said...

Senti senti senti....cosa leggo,cosa leggo...adesso il Papa ha fatto bene a stare in silenzio,per rispetto della vita umana...

Cosa dicevo io un paio di post fa?

Sottolineavo proprio come tutti i media si erano accaniti su questa storia,venendo ad occupare quasi 15 Minuti di telegiornale,e come era fastidiosa come avevano enfatizzato,spettacolarizzato il fatto che tutte le istituzioni erano indignate.

Invece il Papa ha pensato bene ad un più rispettoso e discreto silenzio.

Ma,forse la sparo grossa,ma magari,ci avevo azzeccato?,magari tutto quello casino che avevano fatto era poco rispettoso?,magari era solo una scusa per convincere la gente che si farà qualcosa per la violenza negli stadi quando invece non si farà niente?,magari era solo l'ennesima manipolazione di questo governo che ci vuol far credere che è realmente preoccupato per la nostra sicurezza?...

Io l'ho detto e lo ripeto.
Me ne frego se uno sconosciuto è morto.
Ma come ho aggiunto prima,io rispetto la morte.
E preferisco essere sinceramente rispettoso dei morti che non ipocritamente preoccupato per uno sconosciuto.

Questa almeno è la mia opinione.

P.S.
Forse si dovevano invertire i ruoli:Era il Papa che doveva parlare dell'agente mentre i media dovevano fare meno casino,o almeno avrebbe avuto più senso così di come invece non si è fatto...

05 febbraio, 2007 10:24  
Blogger normanno said...

Caro Fallagirare, sei un po' ossessionato dal Papa. Concordo con te in questo caso.

Il Papa è l'apice della gerarchia cattolica, una religione a vocazione universale... Il suo "compito" non è di commentare l'attualità italiana ma comunicare sui temi religiosi al livello di concetto... Per un commento piu giornalistico, Pippo può sempre comprarsi "Avvenire".

Se Ratzinger comincia a parlare della cronaca italiana, si farà notte prima la fine dell'angelus.

Per quello che riguarda il dramma, è ovvio che è raccapricciante... ma concordo un po' con K.hei. La violenza sarà sempre presente. Non c'è una legge che la farà sparire del tutto e enfatizzazione dei media è ovvia in questo caso...

Il campionato dovrebbe andare avanti a porte chiuse fino a quando i stadi sono fuori legge.

05 febbraio, 2007 12:33  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Ossessionato?

Muhahaha!!

No, ancora no ;)

X Jack: e perchè sarebbe fuori luogo il Papa?

Hai sentito oggi cos'ha detto?

05 febbraio, 2007 16:40  
Blogger Fallagirare.Staff said...

ROMA - Il Papa è «spiritualmente vicino» alla moglie e ai figli di Filippo Raciti. In un telegramma inviato a suo nome dal segretario di Stato, Tarcisio Bertone al vescovo di Catania, monsignor Salvatore Gristina, Benedetto XVI ribadisce la sua «ferma condanna per ogni gesto di violenza che macchia il gioco del calcio» mentre esorta a promuovere con «maggiore determinazione» il rispetto «per la legalità favorendo lealtà, solidarietà e sana competitività».

«Informato della tragica uccisione», si legge nel testo, il Papa esprime «spirituale vicinanza a consorte e figli della vittima, come anche ai feriti e alla Polizia di Stato impegnata con altre forze dell’ordine al mantenimento della sicurezza dei cittadini» ed «eleva fervide preghiere di suffragio per il fedele servitore dello Stato», prosegue il telegramma, e «invoca consolazione celeste sui familiari, colleghi e su quanti sono stati colpiti da un così drammatico lutto»".

http://www.corriere.it/Primo_Piano/
Cronache/2007/02_Febbraio/05/papa_calcio.shtml

05 febbraio, 2007 16:44  
Anonymous missmidnight said...

Ma sei ironico in questo post?
Perchè se non lo sei non sono assolutamente d'accordo.

Il Papa, nei suoi angelus, parla solo di quello che gli fa comodo. Pregare per le povere anime?

Muhauahuah! Ma per piacere. E' un po' come dire che credi ancora a Babbo Natale.

La festa assieme al funerale era di un fuori luogo estremo. Il Papa spende tante parole per dire stronzate sull'eutanasia, sull'aborto e sui pacs (che sempre attualità sono) e poi neanche una su questo agente morto ammazzato.

Miss.

06 febbraio, 2007 09:40  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Ironico?

No cara Miss!

Ma vi rendete conto che siete tutti pronti, per qualsiasi motivo, ad attaccare Benedetto XVI?

Non vi fate un pochino ribrezzo?

Io lo trovo davvero insensato condannare il Pontefice solo x non aver "citato" nell'Angelus domenicale il "caso Raciti".

E allora? Ok, non l'ha fatto domenica, ed allora?

Questo x Voi significa fregarsene dei problemi del nostro Paese?

Ma allora state male!

E poi, perdonami, ma le stronzate in questo caso le stai dicendo Tu cara Miss; sai quanti bambini sono vittime dell'aborto? Forse no, o forse non te lo sei mai chiesta, forse è ora che apri gli occhi...

P.s. sarebbe bello credere ancora in Babbo Natale ;)

06 febbraio, 2007 10:16  
Blogger Lesandro said...

o forse se ne strafotte del poliziotto ucciso e dei problemi sociali e pensa solo a propagandare la linea politica del vaticano-trapiantato-in-parlamento, segnalando precise direttive ai vari mastella, casini, rutelli come fosse uno di quegli omini con le bandierine che dirigono gli aerei in fase di parcheggio negli aeroporti.
Facile dire che il papen si preoccupa di tutto e di tutti 'pregando', salvo poi dirigere le AZIONI del clero, e di quei politici italiani che ad esso si rifanno, in tutt'altra direzione.
10 punti al pennellone siciliano.

06 febbraio, 2007 12:03  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Allo stesso modo è troppo facile (se non addiritturra ridicolo) accusare il Papa di "FREGARSENE", non trovi?

Dai Lesa, non cadiamo nel ridicolo...

Sapete qual è il Vostro problema?

Non sopportate Benedetto XVI, non sopportate la Chiesa in generale, questo è il Vostro problema!

06 febbraio, 2007 12:13  
Blogger Medusa said...

"Non sopportate Benedetto XVI, non sopportate la Chiesa in generale, questo è il Vostro problema!"

E' un problema?
Non credo sia un problema, credo sia un punto di vista differente.
Ne esistono così tanti!
La cosa brutta è che questi punti di vista devono coesistere assieme, ed è questo che ci porta a sopportare poco i punti di vista altrui.

Se tutti dessero ascolto alla chiesa e a quello che dice, ogni famiglia avrebbe in media 10 figli, fino a che la madre disperata decide di farsi asportare l'utero perchè un'altra gravidanza l'ammazzerebbe.
La metà di questi figli, nei casi più rosei, non potrebbero avere da mangiare nè un'istruzione decente, nemmeno nelle nostre società "avanzate".
Bellissimo futuro, un futuro di aspettative rosee certamente....

Non parliamo poi della trasmissione di malattie terribili che tuttora è in avanzamento, questo grazie al divieto di usare preservativi e anticoncezionali vari.
Se ascoltassimo sul serio ciò che dice la chiesa, il globo avrebbe una media di un 15% in più di persone
E dove se le mette il nostro povero globo tutte queste persone?
Ve lo dico io dove se le mette...
Si chiama selezione naturale.

Perchè allora da credenti non le ascoltate sul serio le parole del Papa?
Perchè quando fate l'amore con la vostra ragazza mettete il preservativo o le fate prendere la pillola (causandole danni non da poco e una percentuale di tumore aumentata del 10%) quando la parola della chiesa ti dice di fare il contrario?
Pensateci un po su, pensate a questi motivi prima di giudicare aspramente chi la pensa diversamente dal Pontefice.
E ce ne sarebbero tantissimi altri.
Medusa

06 febbraio, 2007 13:04  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"Perchè allora da credenti non le ascoltate sul serio le parole del Papa?

Perchè quando fate l'amore con la vostra ragazza mettete il preservativo o le fate prendere la pillola (causandole danni non da poco e una percentuale di tumore aumentata del 10%) quando la parola della chiesa ti dice di fare il contrario?"

E chi ti dice che io faccia tutto questo?

Perchè ne sei così sicura?

06 febbraio, 2007 13:19  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Non fare di tutt'erba un fascio cara Medusa....

Parla per Te!

06 febbraio, 2007 13:20  
Blogger normanno said...

Medusa, si potrebbe aggiungere che un VERO cattolico non dovrebbe cedere al onanismo E rimanere vergine fino al matrimonio… per poi moltiplicarsi senza cercare il piacere nei rapporti… essere rigorosamente monogamo senza possibile dissoluzione del matrimonio… Il parto dovrebbe essere compiuto nel dolore senza aiutino… Nell’ultima stagione della vità del credente, dovrà aspettare la morte NATURALE pure se è collegato con tonnellate di attrezzi e in un stato quasi vegetativo… eccetera.

Buona notte! Quanti VERI cristiani sono rimasti… Qualche migliaia? Sarà per quello che Ratzinger parlava del relativismo morale degli ormai pseudo-credenti ad inizio papato? Ma! E vero che è più facile fare la guerra all’aborto che a questo relativismo morale dilagante… Disturba meno la gente nella sua quotidianità.

06 febbraio, 2007 13:43  
Blogger Medusa said...

Te l'ho detto nell'altro post, te sei un essere divino :)
medusa

06 febbraio, 2007 13:54  
Blogger Medusa said...

Te l'ho detto nell'altro post staff, te sei un essere divino :)
Medusa

06 febbraio, 2007 13:58  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Forse volevi dire di-vino ;)

06 febbraio, 2007 14:02  
Blogger Lesandro said...

e se tu fai tutto questo caro staff, cosa che mi auguro, ammetterai che, facendolo, contravvieni a delle direttive precise di quel pontefice che tieni in così grande considerazione. La domanda che ne consegue è: a che titolo critichi un'altra persona che decide di criticarlo? Chi decide quando i dettami del clero devono essere seguiti e quando no?
E ancora, è vero che sia facile accusare il papa di fregarsene, ma se lo è è solo per la mancanza di ogni iniziativa concreta da parte di quest'ultimo per porre rimedio, o per lo meno tentare di, a quelle problematiche per le quali si limita a 'pregare'...salvo poi pronunciarsi in maniera affermativa quando si tratta di pacs o roba del genere. Per queste cose il papen non prega, agisce.
Per il resto straquoto Medusa.

06 febbraio, 2007 15:14  
Blogger finardi said...

e no aspettate...ci siamo dimenticati una cosa...la confessione è stata istituita per mondare i peccatori,per cui utilizzate pure i profilattici e fate sesso prima del matrimonio,o praticate l onanismo,bestemmiate,ubriacatevi,non rendete grazia i giorni di festa,non rispettate il padre e la madre(quando se lo meritano sì,ma non tutte le familie escono dagli spot della mulino bianco),insomma vivete!!!!!
Secondo voi chi riuscirebbe a sopportare una mole di tali e tanti divieti?




Peccati mortali



Non osservare i 10 comandamenti:

“Io sono il Signore Dio tuo: non avrai altro Dio fuori che Me”.

“Non nominare il Nome di Dio invano”.

“Ricordati di santificare le feste”.

“Onora il padre e la madre”.

“Non uccidere”.

“Non commettere atti impuri”.

“Non rubare”.

“Non dire falsa testimonianza”.

“Non desiderare la donna d’altri”.

“Non desiderare la roba d’altri”.





Non osservare gli obblighi della Chiesa:

- S. Messa domenicale e nelle feste di precetto.

- Confessione pasquale (ma è consigliata almeno mensilmente)





Compiere i seguenti atti citati nella S. Scrittura:

- Idolatria

- fornicazione

- superbia

- inganno

- adulterio

- frode del giusto salario

- omicidio

- diffamazione

- ingiuria

- furto

- omosessualità

- empietà verso i genitori



Compiere i seguenti atti citati dal Magistero:

- Genocidio

- eutanasia

- schiavitù

- contraccezione

- deportazione

- torture morali e fisiche

- aborto

- suicidio

- prostituzione

- masturbazione

- relazioni prematrimoniali.

www.profezieonline.com/Varie/i_peccati_mortali.htm

Per non parlare dei peccati veniali:

-Accidia

-superbia

-lussuria

-gola

-ira
(gli ultimi due non li ricordo,da buon Ateo aggiungeteli voi)

Ma la chiesa si modernizza...

Due sacerdoti di Pavia, don Gianfranco Poma e padre Franco Tassone, hanno inaugurato il primo servizio di confessione online.

Per accedere al servizio è necessario prendere prima contatti diretti con i due sacerdoti, che forniscono l'indirizzo e-mail da utilizzare per le confessioni via web, dopodiché l'utente dovrà rispondere ad una serie di domande. Tra le domande obbligatorie ci sono quelle relative alla data dell'ultima volta che ci si è confessati, all’iscrizione a qualche associazione di impegno sociale e civile e alla capacità di entrare in dialogo con credenti di altre religioni, in particolare gli islamici, mentre il rispetto del precetto festivo e lo stato civile rientrano tra le domande facoltative.

Alla fine del questionario la confessione vera e propria per la quale si hanno a disposizione da 1.000 a 3.500 battute. Prima vanno indicati i peccati mortali, poi quelli veniali. Per chi non trovasse le parole, nel sito della parrocchia è addirittura disponibile una sezione dedicata con l’elenco delle colpe. Alla fine bisogna cliccare sulla scritta lampeggiante rossa Amen e aspettare che sullo schermo compaia il segno della confessione con su indicato il giorno e l'ora fissati per passare alla chiesa di San Teodoro a ritirare l'assoluzione.

Il servizio è attivo 24 ore su 24, dal momento che don Poma e padre Franco controllano le loro caselle di posta elettronica più volte al giorno.

Che i due preti siano troppo occupati?A giocare a ramino?
Scusate ma l idea dell amen lampeggiante da cliccare mi fa ridere di gusto,e se clicco per sbaglio su un rosario,l ho detto? Vale?
Resto perplesso sul giusto salario...chi lo decide i sindacati o la concommercio?
A parte gli scherzi ritengo che sia giusto che il papa dica quello che vuole,come deve fare pippo baudo,certo l incidenza dei due sulla società cambia,ma soprattutto per me vale quello che disse Voltaire:"non concordo con te,ma morirei perchè tu possa esprimerlo liberamente"
Vale per tutti,anche per Pippo Baudo.

Personalmente una minor ingerenza dello stato pontificio sulla vita sociale sarebbe gradito,non vieterei mai al pontefice di dire quello che vuole.
Sta a noi cambiare la società giorno per giorno.

07 febbraio, 2007 02:47  

Posta un commento

Links to this post:

poisted

Crea un link

<< Home

Liste Civiche Nuovo Rinascimento
 

Google
Web falla-girare.blogspot.com
 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Giornalismo su BLOO.it

Bloggoteka

Blog-Show la vetrina italiana dei blog! ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Superba.it

SpazioLink.com>

Blogarama - The Blog Directory  

L'autore del blog NON si assume alcuna responsabilità sui contenuti dei commenti. I commenti ritenuti offensivi o non attinenti potranno essere cancellati. Per qualsiasi informazione: fallagirarestaff@yahoo.it