.:.:. FIRMA LA PETIZIONE PER LA LEGALIZZAZIONE DEL P2P .:.:. 

05 ottobre, 2007

PERCHE' IL CASTA DAY?

1) Per gli assurdi stipendi dei nostri politici. Date uno sguardo:

LO STIPENDIO DEI DEPUTATI

Trattamento economico
La prima voce è l'indennità, quella che nel linguaggio comune è definita "stipendio", seguono la diaria e i rimborsi: per le "spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori", per le spese accessorie di viaggio e per i viaggi all'estero, per le spese telefoniche.

Completano la scheda le voci sull'assegno di fine mandato, le prestazioni previdenziali e sanitarie e sui trasporti.

Indennità parlamentare
L'indennità, prevista dalla Costituzione all'art. 69, è determinata in base alla legge n. 1261 del 31 ottobre 1965. È fissata in misura non superiore al trattamento complessivo massimo annuo lordo dei magistrati con funzioni di presidente di Sezione della Corte di Cassazione ed equiparate. Tale misura è stata rideterminata in riduzione dall'art. 1, comma 52, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria per il 2006).

L'indennità è corrisposta per 12 mensilità. L'importo mensile - che, a seguito della delibera dell'Ufficio di Presidenza del 17 gennaio 2006, è stato ridotto del 10% - è pari a 5.486,58 euro, al netto delle ritenute previdenziali (€ 784,14) e assistenziali (€ 526,66) della quota contributiva per l'assegno vitalizio (€ 1.006,51) e della ritenuta fiscale (€ 3.899,75).

Diaria
Viene riconosciuta, a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma, sulla base della stessa legge n.1261 del 1965.

La diaria ammonta a 4.003,11 euro mensili. Tale somma viene ridotta di 206,58 euro per ogni giorno di assenza del deputato da quelle sedute dell'Assemblea in cui si svolgono votazioni, che avvengono con il procedimento elettronico.

È considerato presente il deputato che partecipa almeno al 30 per cento delle votazioni effettuate nell'arco della giornata.

Rimborso per spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori
A titolo di rimborso forfetario per le spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori, al deputato è attribuita una somma mensile di 4.190 euro, che viene erogata tramite il gruppo parlamentare di appartenenza.

Ai deputati non è riconosciuto alcun rimborso per le spese postali a decorrere dal 1990.

Spese di trasporto e spese di viaggio
I deputati usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale.

Per i trasferimenti dal luogo di residenza all'aeroporto più vicino e tra l'aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l'aeroporto più vicino al luogo di residenza, ed a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.

I deputati, qualora si rechino all'estero per ragioni di studio o connesse all'attività parlamentare, possono richiedere un rimborso per le spese sostenute entro un limite massimo annuo di 3.100,00 euro.

Spese telefoniche
I deputati dispongono di una somma annua di 3.098,74 euro per le spese telefoniche. La Camera non fornisce ai deputati telefoni cellulari.


Assistenza sanitaria
Il deputato versa mensilmente, in un apposito fondo, una quota del 4,5 per cento della propria indennità lorda, pari a 526,66 euro, destinata al sistema di assistenza sanitaria integrativa che eroga rimborsi secondo quanto previsto da un tariffario.


Assegno di fine mandato
Il deputato versa mensilmente, in un apposito fondo, una quota del 6,7 per cento della propria indennità lorda, pari a 784,14 euro. Al termine del mandato parlamentare, il deputato riceve l'assegno di fine mandato, che è pari all'80 per cento dell'importo mensile lordo dell'indennità, per ogni anno di mandato effettivo (o frazione non inferiore ai sei mesi).


Assegno vitalizio
Il deputato versa mensilmente una quota - l'8,6 per cento, pari a 1.006,51 euro - della propria indennità lorda, che viene accantonata per il pagamento degli assegni vitalizi, come previsto da un apposito Regolamento approvato dall'Ufficio di Presidenza il 30 luglio 1997.


In base alle norme contenute in tale Regolamento, il deputato riceve il vitalizio a partire dal 65° anno di età. Il limite di età diminuisce fino al 60° anno di età in relazione agli anni di mandato parlamentare svolti.

L'importo dell'assegno varia da un minimo del 25 per cento a un massimo dell'80 per cento dell'indennità parlamentare, a seconda degli anni di mandato parlamentare.

Il Regolamento prevede infine la sospensione del pagamento del vitalizio qualora il deputato sia rieletto al Parlamento nazionale ovvero sia eletto al Parlamento europeo o ad un Consiglio regionale


LO STIPENDIO DEI SENATORI

Indennità parlamentare
L'indennità, prevista dalla Costituzione all'art. 69, è determinata, in base alla legge n. 1261 del 31 ottobre 1965, in misura non superiore al trattamento complessivo massimo annuo lordo dei magistrati con funzioni di presidente di Sezione della Corte di Cassazione ed equiparate. Con delibera del 1993 il Consiglio di presidenza del Senato ha stabilito che tale misura fosse ridotta al 96% del predetto trattamento (analoga decisione è stata adottata alla Camera dei deputati).


Per effetto delle disposizioni contenute nella legge finanziaria 2006, l'importo lordo dell'indennità ha subito inoltre una riduzione pari al 10 per cento.L'indennità è corrisposta per 12 mensilità. L'importo mensile spettante nel 2007 è pari a 5.613,59 euro al netto della ritenuta fiscale (€ 4.015,18), nonché delle quote contributive per l'assegno vitalizio, per l'assegno di solidarietà e per l'assistenza sanitaria. Nel caso in cui il Senatore versi anche la quota aggiuntiva per la reversibilità dell'assegno vitalizio, l'importo netto dell'indennità scende a 5.355,46 euro.

Diaria
Viene riconosciuta, a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma, sulla base della stessa legge n. 1261 del 1965.La diaria ammonta a 4.003,11 euro mensili. Tale somma viene ridotta di 258,23 euro per ogni giorno in cui si svolga almeno una seduta dell'Assemblea con votazioni qualificate e verifiche del numero legale, se il Senatore non partecipa almeno al 30 per cento delle votazioni effettuate nell'arco della giornata.


Rimborso delle spese per lo svolgimento del mandato parlamentare
A titolo di rimborso forfettario per le spese sostenute per le attività e i compiti connessi con lo svolgimento del mandato parlamentare, è previsto un contributo mensile di 4.678,36 euro, in parte (35% pari a 1.637,43 euro) erogato direttamente al Senatore ed in parte (65% pari a 3.040,93 euro) erogato al Gruppo parlamentare di appartenenza.


Spese di trasporto e spese di viaggio
I Senatori usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale.Per i trasferimenti dal luogo di residenza a Roma, è previsto un rimborso spese forfettario, il cui ammontare annuo è pari a 15.379,37 euro, per il Senatore che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l'aeroporto o la stazione ferroviaria più vicina al luogo di residenza, ed a 18.486,31 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km. Per i Senatori residenti a Roma ed eletti in collegi del Lazio, il rimborso è corrisposto nella misura di 7.689,68 euro.


Spese telefoniche
I Senatori dispongono di una somma annua di 4.150 euro per le spese telefoniche, inclusi i servizi di connettività.


Assistenza sanitaria integrativa
E' previsto il rimborso delle spese sanitarie ai Senatori (anche cessati dal mandato ovvero ai titolari di trattamento di reversibilità, nonché ai rispettivi familiari) iscritti al servizio di Assistenza Sanitaria Integrativa, nei limiti fissati dal Regolamento e dal Tariffario che disciplinano tale Assistenza. Gli iscritti versano un contributo commisurato alle competenze mensili lorde (i Senatori in carica il 4,5% pari a euro 540,27; i titolari di assegni vitalizi il 4,7% dell'importo lordo) e quote aggiuntive per i familiari.


Assegno di solidarietà (a fine mandato)
Il Senatore versa mensilmente al Fondo di solidarietà il 6,7 per cento della propria indennità lorda, pari ora a 804,40 euro. Al termine del mandato parlamentare, il Senatore riceve l'assegno di solidarietà (anche denominato "di fine mandato"), che è pari all'80 per cento dell'importo mensile lordo dell'indennità, moltiplicato per il numero degli anni di mandato effettivo (o frazione non inferiore ai sei mesi).


Assegno vitalizio
Anche in questo caso, il Senatore versa mensilmente una quota - l'8,6 per cento, pari ora a 1.032,51 euro, piu il 2,15 per cento, come quota aggiuntiva per la reversibilità, pari a 258,13 euro - della propria indennità lorda, che viene accantonata per il pagamento degli assegni vitalizi, come previsto da un apposito Regolamento approvato dal Consiglio di Presidenza.In base alle norme contenute in tale Regolamento, recentemente modificato, il Senatore cessato dal mandato riceve il vitalizio a partire dal 65° anno di età, purché abbia svolto il mandato parlamentare per almeno 5 anni. Il limite di età è ridotto di 1 anno per ogni anno di mandato oltre il quinto, fino al limite inderogabile di 60 anni.


Lo stesso Regolamento prevede la sospensione del pagamento del vitalizio qualora il Senatore sia rieletto al Parlamento nazionale ovvero sia eletto al Parlamento europeo o ad un Consiglio regionale. Tale sospensione è stata estesa - a partire dal 1° gennaio 2008 - a tutti gli incarichi incompatibili con lo status di parlamentare, agli incarichi di Governo e a tutte le cariche di nomina governativa, parlamentare o di competenza degli enti territoriali, purché comportino un'indennità pari almeno al 40 per cento dell'indennità parlamentare.

E' stata altresì approvata una nuova disposizione sulla misura degli assegni vitalizi, che si applicherà ai Senatori eletti per la prima volta a partire dalla prossima legislatura. Per effetto di tale disposizione regolamentare, l'importo dell'assegno vitalizio varia da un minimo del 20 per cento a un massimo del 60 per cento dell'indennità parlamentare, a seconda degli anni di mandato parlamentare.

2) Chi li ha votati? Chi li ha scelti realmente? Noi no!

3) I condannati in via definitiva (come dice Grillo) devono andare a CASA!!!

C-DAY!

10 Comments:

Blogger K.Hiei said...

Ai esposto abbastanza bene come il punto 1,ma forse hai dimenticato una cosa:La proposta,giusto abolire questi incredibili stipendi e sussidi vari,ma già che c'èri potevi dire la tua circa quanto dovrebbe guadagnare un parlamentare ed un senatore,anche il punto 3 potevi approfondirlo un pò,ti riferisci a qualsiasi reato?,se uno fa un incidente per pura disgrazia e viene condannato per omicidio colposo(Come è successo a Grillo),può essere considerato alla pari di un corrotto,di un mafioso?,magari potresti specificare quali condanne sono pregiudicanti(Corruzione,Associazione Mafiosa,Associazione A Delinquere,Falso In Bilancio,Associazione Finalizzata Alla Truffa,Truffa Allo Stato,ecc. ecc. ecc...),e quali no...

Inoltre,una cosa molto importante,dovresti pensare a come si dovrebbero gestire queste decisioni di carattere amministrativo,non serve a niente costringerli ad abbassare gli stipendi se gli lasci il potere di aumentarli quando gli pare a loro,potresti ad esempio proporre una comitato di vigilanza parlamentare eletto direttamente dai cittadini ogni anno,in cui ogni membro non può essere eletto più di una volta(Un pò come una giuria di tribunale),questo comitato prende tutte le decisioni di livello amministrativo riguardanti stipendi,privilegi,trattamenti di fine rapporto,mezzi messi a disposizione di senatori e parlamentari,ecc,ecc....

06 ottobre, 2007 09:46  
Blogger K.Hiei said...

Mi sono dimenticato una"H",all'inizio del post,dòh!

06 ottobre, 2007 09:47  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Ma non sono io a dover decidere quanto debba prendere un politico.

Se fosse per me lo stipendio di un politico oscillerebbe tra i 2.000/3.000 Euro netti.

06 ottobre, 2007 10:02  
Blogger Medusa said...

Anche di meno hehe, così forse capirebbero i problemi di noi cittadini medi, comuni mortali che non arrivano alla fine del mese.
Medusa

06 ottobre, 2007 11:22  
Blogger K.Hiei said...

Be,è già un idea no?,in questo paese se ti limiti solo a protestare senza proporre niente ti danno subito del populista qualunquista generalista denigratore antipolitico fascista....ecc. ecc. ecc....

Se ti vuoi mettere in politica poi,è bene essere sempre pronto a rispondere ad eventuali domande dei tuoi potenziali elettori con sicurezza e prontezza,propenendo anche più soluzioni ad un unico problema,insomma,cercare di apparire uno che sa cosa dice,fino in fondo.

Comunque se ti candidi io voto per te,anche se sto in un'altra regione :D

06 ottobre, 2007 12:59  
Anonymous marco said...

Io proporrei l'allontanamento dell'intera classe politica italiana...Stiamo cadendo in un pozzo senza fine...Ci vuole una sferzata decisa....Una marcia su Roma (naturalmente non violenta in puro stile Gandhi) che obblighi queste sanguisughe a lasciare i posti di comando e opposizione...Bisogna individuare le persone adatte a governare il Paese in un primo momento di confusione e poi via a elezioni con candidati seri...Il problema principale sta nel cambiare la mentalità che ormai caratterizza noi italiani, e li la vedo davvero dura....

06 ottobre, 2007 22:00  
Blogger K.Hiei said...

Caro Marco,hai sollevato un importante punto:La mentalità Italiana.
Se siamo in questa situazione è anche(Principalmente),per colpa della maggior parte degli italiani che in tutti questi anni si è fatta abbindolare da questa gente.

Se la maggior parte degli italiani non diverrà più"Sveglia"(Termine da prendere con le pinze),allora si merita di stare in queste condizioni per altri 1000 anni...

06 ottobre, 2007 22:59  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Grazie per l'appoggio K.Hiei.

Molti miei amici sono pronti a votarmi.

La cosa mi fa molto piacere ;)

07 ottobre, 2007 00:28  
Anonymous Anonimo said...

se fosse per me lo stipendio di un potico e'giusto cosi'.quello che non va sono le cose che fanno.secondo te il cadreghino fa comodo per i 20000euro al mese?quello che conta sono le tangenti che puoi prendere una volta arrivato la'

08 ottobre, 2007 00:39  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Anche quelle. Ma 20.000 non ti sembrano un pò troppi?

08 ottobre, 2007 14:33  

Posta un commento

Links to this post:

poisted

Crea un link

<< Home

Liste Civiche Nuovo Rinascimento
 

Google
Web falla-girare.blogspot.com
 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Giornalismo su BLOO.it

Bloggoteka

Blog-Show la vetrina italiana dei blog! ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Superba.it

SpazioLink.com>

Blogarama - The Blog Directory  

L'autore del blog NON si assume alcuna responsabilità sui contenuti dei commenti. I commenti ritenuti offensivi o non attinenti potranno essere cancellati. Per qualsiasi informazione: fallagirarestaff@yahoo.it