.:.:. FIRMA LA PETIZIONE PER LA LEGALIZZAZIONE DEL P2P .:.:. 

17 settembre, 2006

IL VERO VOLTO DELLA FALLACI











Io no.

Io non rimpiangerò Oriana Fallaci.

Mi spiace, forse sarò indelicato, ma sarebbe come mentire a me stesso!

Io non ho mai condiviso le sue idee, le sue critiche, i suoi articoli...

Prendersela con l'intera comunità islamica non rientra nei miei canoni di pensiero.

Oriana, invece, faceva di tutt'erba un fascio.

Erano "rigidi", fin troppo rigidi (oserei dire estremisti) i suoi articoli sferzanti sulla cultura islamica.

Ricordo ancora adesso con incredulità un'intervista rilasciata ad una televisione pubblica polacca (la Telewizja Polska).

Eccovi qualche stralcio dell'intervista concessa da Oriana Fallaci a Padre Andrzej Majewski:

"Domanda: I responsabili degli attacchi terroristici a Londra erano mussulmani nati in Gran Bretagna o cittadini inglesi. Quindi potrebbero essere considerati europei. Crede che per difendere il nostro continente e la civiltà occidentale dovremmo esiliare tutti i mussulmani dell'Europa?

Risposta: Per incominciare, non sono affatto europei. Non possono essere considerati europei. O non più di quanto noi potremmo essere considerati islamici se vivessimo in Marocco o in Arabia Saudita o in Pakistan beneficiando della residenza o della cittadinanza. La cittadinanza non ha niente a che fare con la nazionalità, e ci vuol altro che un pezzo di carta su cui è scritto cittadino inglese o francese o tedesco o spagnolo o italiano o polacco per renderci inglesi o francesi o tedeschi o spagnoli o italiani o polacchi. Cioè parte integrante di una storia e di una cultura. Secondo me, anche quelli con la cittadinanza sono ospiti e basta. O meglio: invasori privilegiati. Poi una cosa è espellere gli allievi terroristi o gli aspiranti terroristi, i clandestini, i vagabondi che vivono rubando o spacciando droga o, meglio ancora, gli imam che predicando la Guerra Santa incitano i loro fedeli a massacrarci. E una cosa è cacciare indiscriminatamente una intera comunità religiosa. L'esilio è una pena che già nell'Ottocento l'Europa applicava con le molle, e solo per qualche individuo. Ai nostri tempi si applica soltanto per i re e le famiglie reali che hanno perso la partita. In parole diverse, non si addice più alla nostra civiltà. Alla nostra etica, alla nostra cultura. E l'idea di trasformarci paradossalmente da vittime in tiranni, da perseguitati in persecutori, è per me inconcepibile. Mi fa pensare ai trecentomila ebrei che nel 1492 vennero cacciati dalla Spagna, ai pogrom di cui gli ebrei sono stati vittime nell'intero corso della loro storia. Naturalmente, se volessero andarsene di loro spontanea volontà, non piangerei. Anzi, accenderei un cero alla Madonna. Nel saggio pubblicato giorni fa dal Corriere della Sera, 'Il nemico che trattiamo da amico', addirittura glielo suggerisco. 'Se siamo così brutti, così cattivi, così spregevoli e peccaminosi' gli dico 'se ci odiate e ci disprezzate tanto, perché non ve ne tornate a casa vostra?'. Il fatto è che se ne guardano bene. Non ci pensano nemmeno. Ed anche se ci pensassero, come attuerebbero una cosa simile? Attraverso un esodo uguale a quello con cui Mosè portò via gli ebrei dall'Egitto e attraversò il Mar Rosso? Sono troppi, ormai. Calcolando solo quelli che stanno nell'Unione Europea, sostengono i dati più recenti, circa venticinque milioni. Calcolando anche quelli che stanno nei paesi fuori dell'Unione Europea e nell'ex Unione Sovietica, circa sessanta milioni. Questa è la loro Terra Promessa, mi spiego? Rispetto, tolleranza. Assistenza pubblica, libertà a iosa. Sindacati, prosciutto, il deprecato prosciutto, vino e birra, il deprecato vino e la deprecata birra. Blue jeans, licenza di esercitare in ogni senso prepotenze che qui non vengono né punite né rintuzzate né rimproverate. (Inclusa la licenza di buttare i crocifissi dalle finestre). Protettori cioè collaborazionisti sempre pronti a difenderli sui giornali e a impedirne l'espulsione nei tribunali. Caro padre Andrzej, è troppo tardi ormai per chiedergli di tornare a casa loro. Avremmo dovuto, avreste dovuto, chiederglielo venti anni fa. Cioè quando già dicevo: 'Ma non lo capite che questa è un'invasione ben calcolata, che se non li fermiamo subito non ce ne libereremo mai più? (continua...)'.

Domanda: Come crede che Papa Benedetto XVI dovrebbe reagire a questa situazione essendo il capo della Chiesa Cattolica Apostolica Romana e il leader d'una religione che predica pace, non-violenza, bontà?

Risposta: Senta, nel saggio 'Il nemico che trattiamo da amico' a un certo punto mi rivolgo direttamente a Ratzinger. Pardon, a Papa Benedetto XVI. (Sa, io lo chiamo sempre Ratzinger e basta. Manco fosse un mio exprofessore o addirittura un mio ex compagno di scuola). E mi rivolgo a lui confutando ciò che confutavo a Wojtyla, pardon, a Papa Giovanni Paolo II. Il Dialogo con l'Islam. 'Santità' gli dico 'Le parla una persona che La ammira molto. Che Le vuole bene, che Le dà ragione su un mucchio di cose. Che a causa di questo viene dileggiata coi nomignoli atea-devota, laica-baciapile, liberal-clericale. Una persona, inoltre, che capisce la politica e le sue necessità. Che comprende i drammi della leadership nonché i suoi compromessi. E che rispetta l'intransigenza della fede. Però il seguente interrogativo glielo devo porre ugualmente: crede davvero che i mussulmani accettino di dialogare coi cristiani, anzi con le altre religioni o con gli atei come me? Crede davvero che possano cambiare, ravvedersi, smetterla di seminar bombe?'. E ora aggiungo: il terrorismo islamico non è un fenomeno isolato, un fatto a sé stante. Non è una iniquità che si limita a una minoranza esigua dell'Islam. (Peraltro una minoranza tutt'altro che esigua. Si calcola che l'Europa disponga di ben quarantamila terroristi pronti a scattare. E non dimentichiamo che dietro ogni terrorista c'è una organizzazione precisa, una rete di contatti eccellenti, un oceano di soldi. Ergo, quel numero 'quarantamila' va moltiplicato almeno per cinque anzi per dieci. E, stando alla matematica, così facendo s'arriva a duecentomila o quattrocentomila). Il terrorismo islamico è soltanto un volto, un aspetto, della strategia adottata fin dai tempi di Khomeini (anzi fin dai giorni dei cinici accordi euro-arabi) per attuare la globale offensiva chiamata 'Revival dell'Islam'. Risveglio dell'Islam. Un risveglio che ancora una volta mira a cancellare l'Occidente, la sua cultura, i suoi principii, i suoi valori. La sua libertà e la sua democrazia. Il suo Cristianesimo e il suo Laicismo. (Sissignori, anche il laicismo. Forse, soprattutto il laicismo. Ma non l'avete ancora capito che il laicismo non può coabitare con la teocrazia?!?). Un risveglio, insomma, che non si manifesta soltanto attraverso le stragi ma attraverso il secolare espansionismo dell'Islam. Un espansionismo che fino all'assedio di Vienna avveniva con gli eserciti e le flotte dei sultani, i cavalli, i cammelli, le navi dei pirati, e che ora avviene attraverso gli immigrati decisi a imporre la loro religione. La loro prepotenza, la loro prolificità. E tutto ciò sfruttando la nostra inerzia, la nostra debolezza, o la nostra buonafede. Peggio: la nostra paura.

Domanda: A suo avviso definire l'Islam "una religione di pace" e dire che il Corano insegna la misericordia è una sciocchezza. Perché?

Risposta: Perché a parte quattordici secoli di Storia, (secoli durante i quali l'Islam non ha fatto che scatenar guerre ossia conquistare e sottomettere e massacrare), lo dice il Corano. È il Corano, non mia zia, che chiama i non-mussulmani 'cani infedeli'. È il Corano, non mia zia, che li accusa di puzzare come le scimmie e i cammelli. È il Corano, non mia zia, che invita i suoi seguaci a eliminarli. A mutilarli, lapidarli, decapitarli, o almeno soggiogarli. Sicché se in Arabia Saudita ti fai beccare con una crocetta al collo, un santino in tasca, una Bibbia in casa, finisci in galera o magari al cimitero. E se in Sudan sei un povero africano o una povera africana che prega la Madonna, finisci almeno coi ceppi ai polsi ed ai piedi cioè in stato di schiavitù. Ma volete mettervela in testa questa semplice, inequivocabile, indiscutibile verità? Tutto ciò che i mussulmani fanno contro di noi e contro sé stessi è scritto nel Corano. Richiesto o voluto dal Corano. La Jihad o Guerra Santa. La violenza, il rifiuto della democrazia e della libertà. L'allucinante servitù delle donne. Il culto della Morte, il disprezzo della Vita. E non mi risponda come i furbacchioni del presunto Islam Moderato, non mi dica che il Corano ha versioni varie e diverse. Gira e rigira, in ogni versione la sostanza è la stessa. E dove si nasconde, in quella sostanza, la 'religione di pace'? Dove si nasconde 'la misericordia di Allah'? Io non la capisco la deferenza con cui voi cattolici vi riferite al Corano. Io non lo capisco l'ossequio che manifestate verso Maometto. Manco Cristo e Maometto fossero due amiconi che bisbocciano insieme in Paradiso o nel Djanna. Non lo capisco il vostro insistere con la scappatoia del Dio Unico. Domenica 17 luglio, in una chiesetta della provincia di Varese, un parroco ha invitato un bambino mussulmano a pregare Allah poi ha concluso la Messa dichiarando quasi minacciosamente ai fedeli: 'E badate bene che chi non vuole chiamare Padre anche Allah, non è degno di recitare il Pater Noster'. Ma come?!? Allah non ha nulla a che fare col Dio del Cristianesimo. Nulla. Non è un Dio buono, non è un Dio Padre. È un Dio cattivo. Un Dio Padrone. Gli esseri umani non li tratta come figli. Li tratta come sudditi, come schiavi. E non insegna ad amare: insegna a odiare. Non insegna a rispettare: insegna a disprezzare. Non insegna ad essere liberi: insegna a ubbidire. Basta leggere le Sure sui cani-infedeli per rendersene conto. Ad esempio le quattro in base alle quali, nel lercio libretto scritto dal mussulmano (naturalizzato ita - liano) che butta i crocifissi dalla finestra e che definisce la Chiesa cattolica 'un'associazione a delinquere' (ma nessuno lo processa), i mussulmani vengon sollecitati a castigare la Fallaci cioè ad eliminarla. No, no, il nostro primo nemico non è Bin Laden. Non è Zarqawi. Non sono i terroristi e i tagliateste. Il nostro primo nemico è quel libro. Il libro che li ha intossicati. Ecco perché dico che il dialogo con l'Islam è impossibile e respingo la fandonia dell'Islam Moderato, cioè l'Islam che ogni tanto si degna di condannare le stragi però alle condanne aggiunge sempre un 'se' o un 'ma'".
(da RolliBlog.net)


Mi spiace Oriana, ma non mi mancherai.

47 Comments:

Anonymous K.Hiei said...

Dopo aver letto l'articolo...be,forse il tuo Post ha prodotto il risultato opposto a quello sperato...perché mi sento più vicino ad Oriana Fallaci...

Però,se tu sei contro,spiegati meglio,dii più apertamente le tue opinioni(Senza fare polemiche magari)...mai pensato di aprire un forum su questo sito?

17 settembre, 2006 15:54  
Anonymous Anonimo said...

Certo che no!! Così come ad Achille e ad Ulisse non mancò Cassandra!!!

17 settembre, 2006 16:43  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Sì, sono contro.

E lo sai perchè?

Perchè Oriana Fallaci non ha mai avuto alcun rispetto per la religione musulmana, favorendo in tal modo il divario tra le due religioni.

Perchè per la Fallaci il musulmano era il CATTIVO ed il cristiano il BUONO.

Perchè Oriana Fallaci era una grande sostenitrice di Bush e della sua ipocrita politica.

Ti basta questo?

P.s. per il forum ci penserò ;)

Grazie per il suggerimento!

17 settembre, 2006 16:49  
Anonymous Anonimo said...

a me la notizia della sua morte ha strappato un sorriso...bel post!

17 settembre, 2006 16:50  
Anonymous guerrillla radio said...

Memoriale Fallace,
quella sua penna da IMMMENSA scrittrice,
ci mancherai Oriana! :

«Non voglio vedere un minareto di 24 metri nel paesaggio di Giotto, quando io nei loro paesi non posso neppure indossare una croce o portare una Bibbia. Se sarò ancora viva andrò dai miei amici di Carrara, la città dei marmi. Lì sono tutti anarchici; con loro prendo gli esplosivi e la faccio saltare per aria».

contro l’aborto «…a meno di non essere violentata e messa incinta da un Osama Bin Laden o da un al-Zarqawi»

contro i matrimoni gay «…come i musulmani vorrebbero che tutti diventassimo musulmani, loro vorrebbero che tutti diventassimo omosessuali».

«Se mi puntassero una pistola e mi dicessero di scegliere chi è peggio tra i musulmani e i messicani avrei un attimo di esitazione; poi sceglierei i musulmani perché mi hanno rotto le palle».


http://guerrillaradio.iobloggo.com/

17 settembre, 2006 16:56  
Anonymous Anonimo said...

Semmai dovesse scoppiare un conflitto fra occidentali e mondo arabo, Voi Vi schierereste con il mondo arabo?? E'questo che state dicendo? Per questo tanta ostilità verso Oriana? Perchè coraggiosamente ha difeso la cultura occidentale come i mussulmani impongono la loro a suon di attentati forti del petrolio??
Complimenti, c'è da stare allegri, non Vi resta che consegnar loro l'Italia come segno di pace, tolleranza e fratellanza...mi piacerebbe vedervi tutti pronati con il culo a ponte nelle loro splendide moschee!!!!

17 settembre, 2006 17:12  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"Semmai dovesse scoppiare un conflitto fra occidentali e mondo arabo, Voi Vi schierereste con il mondo arabo??"

Non mi schiererei di certo con i fanatici religiosi, questo è sicuro!

Ma con questo non cambio idea su Oriana Fallaci: era esagerata, farneticava, mi faceva quasi pena.

Ciao.

17 settembre, 2006 18:00  
Blogger Andrea said...

La Fallaci si faceva paladina dell'emancipazione femminile, dimenticando la Donna...

17 settembre, 2006 22:29  
Anonymous rocco siffredi said...

la fallaci la fallerei

18 settembre, 2006 08:26  
Anonymous ENRIX said...

Scusa, fallagirare, ma non riesco a comprendere il tuo giudizio sulla Fallaci. Tu dici che farneticava. Beh, non solo tu. Anche tutti quelli abituati sin da piccini a tifare vietcong ai tempi di Nixon (anch'io tifavo, in verità). L'antiamericanismo è entrato nel DNA di alcuni, evidentemente, come l'allegia ad un polline, per cui viene fuori ad ogni occasione. Io ho letto tutto della Fallaci, compresa l'intervista che hai pubblicato, e non vedo nulla di delirante. Io il Corano l'avevo già letto 25 anni fa, e ci avevo pensato naturalmente, pur essendo uomo "di sinistra" le stesse cose che ci ha pensato la Fallaci. La novità è forse oggi soltanto che c'è di mezzo un conflitto più diretto con gli USA, che è come dire per uno juventino che la ROMA (l'islam appunto) fa scaramucce col Toro (gli USA)per cui è sempre prioritario, sino all'estremo, che comunque il toro perda. Ma a parte questo, non capisco proprio dove la Fallaci farneticasse. Citami un solo passo, per favore. Se io, che ho toccato con mano, ti dico che i corridoi degli ospedali francesi sono occupati dai bivacchi di donne musulmane invelate che con i loro fornelli a mo' di accampamento cucinano per i loro ricoverati (perchè la cucina della mensa interna è impura) e che quindi non riesci più nemmeno a camminarci, e che nel giro di poco sarà così anche da noi, secondo te sto farneticando?

18 settembre, 2006 13:03  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"...Ma a parte questo, non capisco proprio dove la Fallaci farneticasse. Citami un solo passo, per favore [...]

Ok!

«Non voglio vedere questa moschea. Prendo l'esplosivo e la faccio saltare». (Oriana Fallaci)

Se questa la chiami "normalità"...

E poi la storia dei fornelli cosa starebbe a significare?

Scusa, ma sei mai stato a Napoli?

Non credo che lì la situazione sia migliore!

Anche noi italiani ci facciamo riconoscere, non credi?

Ciao.

18 settembre, 2006 13:35  
Anonymous enrix said...

«Non voglio vedere questa moschea. Prendo l'esplosivo e la faccio saltare». (Oriana Fallaci)

Se questa la chiami "normalità"...

[...]

Ecco, sei da stimare perchè mi hai replicato con argomenti, e non con mere prese di posizione. Io a mia volta cercherò di replicarti con argomenti.
La frase di Oriana Fallaci che tu hai citato non è una farneticazione. E' un "artificio" letterario molto ben congegnato atto a stimolare la sensibilità del lettore occidentale, ma anche del lettore di fede islamica più prevenuto. La Fallaci, nel contesto in cui tu hai attinto la frase, è semplicemente colpita dalla semplicità e debolezza con cui il mondo in generale accetta l'atteggiamento di quella parte dell'islam che rifiuta senza deroghe la presenza di templi ed icòne cristiane nei propri territori (e rammenta che proprio in queste ore su 4 chiese è stato appiccato il fuoco ed una anziana suora è stata assassinata). Indi lancia una provocazione mettendo sulle proprie labbra, in senso "specchiato" la frase che di solito si sente recitare dagli integralisti islamici nei confronti delle nostre chiese, ed è perfettamente consapevole che si tratta di una frase tipicamente prodotta dal fanatismo e dal delirio, la quale di solito viene pronunciata dalla sua parte avversa. Infatti è una provocazione. E tu così l'hai percepita. Però proprio questo era lo scopo della Fallaci. Che la Fallaci per scuotere gli animi abbia usato metodi e frasi forti e talvolta molto provocatori, non lo nego. Ma è tutt'altro che farneticante. E' ben lucida, invece. Poichè infatti la sua intenzione era proprio quella di far percepire quanto delirio e quanto orrore possono contenere parole simili, se pronunciate da una persona "civile". E dunque perchè dobbiamo far finta di nulla se a pronunciarle quotidianamente è, ad es., un "iman" yemenita?

Per venire poi al problema degli ospedali francesi, ti rispondo dicendoti che no, io non sono mai stato, per fortuna, in un ospedale di Napoli. Non credo però che a Napoli, "malasanità" a parte (che comunque è un problema diverso), ci sia gente che cucina col fornello nei corridoi per timore che nel brodo ci sia carne di vitello ucciso in modo non coranico.

Io ti ho citato quell'esempio semplicemente perchè i libri della Fallaci sono sostanzialmente una dettagliata elencazione di esempi simili, tutti probanti un graduale ed incisivo intervento sulle nostre regole civili, da parte dei gruppi islamici, nei nostri territori. A Napoli oggi non lo so, ma in Francia anche solo 10 anni fa se provavi a far cucina col fornello nel corridoi di un ospedale ti allontanavano, semplicemente perchè le regole non lo consentivano. Oggi invece è un dato di fatto. Questa "disinterpretazione e rifiuto di fatto" delle nostre regole civili da parte dei Musulmani è stata denunciata dalla Fallaci mediante una lunga e meticolosa esemplificazione. Questo di fatto sono i suoi libri. Si può dire di non essere d'accordo con la giornalista, semplicemente perchè si gradisce o comunque non si è infastiditi da questa evoluzione (o involuzione, a seconda di come la pensi). In definitiva la trasformazione di un grigio corridoio d'ospedale in una specie di bivacco fedainico, ha qualcosa di colorato ed anche poetico! Ci sono persone a cui piacciono queste rapide metamorfosi del tessuto sociale dell'occidente. Due miei amici si sono fatti musulmani. Uno era un pregiudicato incavolato col mondo intiero, l'altro uno sposato con una donna italiana che desiderava inserire nella propria famiglia una seconda donna marocchina. E' ovvio che questi due non condividano la Fallaci.
Ma non perchè questa delirasse, anzi!
Insomma, che farneticasse, per me resta ancora da dimostrare.
A te la palla!

18 settembre, 2006 15:45  
Anonymous A-lina said...

Oriana era una donna più unica che rara.
Ha sempre detto ciò che pensava affrontandone le conseguenze.
Non so di che sesso sono tutte queste persone che hanno lasciato commenti, ma io sono una donna.
Nel corano ( e non è per errore che l'ho scritto con la minuscola) è scritto che la donna è inferiore intellettivamente all'uomo, per questo sua schiava. Che gli infedeli vanno sterminati. Con che coraggio dite che dobbiamo dialogare con gentaglia simile? Comunisti e company, vi illudete di essere buoni, e trattate gli altri come cattivi. io sono anarchica e voglio la LIBERTA'... se viene gentaglia che me la vieta mi ribello. voi che siete tanti libertini...come potete dire che Oriana sbaglia? allora siete solo degli ipocriti!!!
Oriana non ha mai detto di andare in Iraq a sterminare musulmani per risolvere il problema "guerra santa", ha sempre e solo detto che noi rimaniamo qui e che loro rimanessero là!e poi, a fallagirare.staff...Oriana non ha detto che il musulmano è cattivo e il cristiano è buono, altrimenti non ci rinfaccerebbe di essere stati così cretini da lasciare che ci assediassero. la differenza che non hai colto è un'altra: i musulmani sono pazzi, i cristiani rincoglioniti!!! Meditate, ragazzi, meditate...

18 settembre, 2006 15:52  
Anonymous Anonimo said...

che la donna e' inferiore all'uomo e' vero. che deve essere sua schiava conviene .quindi or quinci e' giusto

19 settembre, 2006 02:13  
Anonymous Anonimo said...

grande oriana, fallagirare scommetto che non hai letto manco un suo libro e citi parti senza sapere bene di che stai parlando, come il post sul diritto penale...studia!!

19 settembre, 2006 11:28  
Anonymous Anonimo said...

[citazione:Un anonimo ha detto...

che la donna e' inferiore all'uomo e' vero. che deve essere sua schiava conviene .quindi or quinci e' giusto]

E citando un simpaticissimo film di mia conoscenza ti dico: "Te sei più da condannare che da compatire".
Medusa

19 settembre, 2006 12:03  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"Un anonimo ha detto...
grande oriana, fallagirare scommetto che non hai letto manco un suo libro e citi parti senza sapere bene di che stai parlando, come il post sul diritto penale...studia!!"

MA PERCHE' ORA C'E' UNA NUOVA MATERIA LETTERARIA?

OPPURE E' NATO UN NUOVO MOVIMENTO POLITICO?

PER CASO E' IL FALLANAZISMO?

AH, QUASI DIMENTICAVO...SALUTAMI IL TUO TUTOR!

CEPU TI ASPETTA!

19 settembre, 2006 12:26  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"Un anonimo ha detto...
che la donna e' inferiore all'uomo e' vero. che deve essere sua schiava conviene .quindi or quinci e' giusto"

Inferore all'uomo?

Ma stiamo scherzando?

Il medioevo è finito da un pezzo!

19 settembre, 2006 12:27  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Caro Enrix,

Innanzitutto ti ringrazio per la stima. La cosa è reciproca!

Comunque ti consiglio vivamente di fare un giro a Napoli (non intendevo negli ospedali napoletani, ma nella città) per constatare di persona la situazione di cui "GODE" la città!

Ed è tutta "opera" nostra, di noi italiani perbenisti!

Non degli immigrati!

Altro che fornelli: a Napoli ti sparano!

Tornando alla Fallaci, be' sarà stata anche una provocazione, ma VERAMENTE DI CATTIVO GUSTO!

In quelle parole c'è solo "odio e fanatismo", e forse anche paura!

Sì, hai letto bene: PAURA!

Paura che anche in Italia l'islamismo prenda il sopravvento sul cristianesimo.

Paura di confrontarci con culture e razze differenti, paura di perdere la propria identità nazionale, di non lavorare...

Io credo che in fondo la Fallaci (ma non solo lei) avesse solo paura di tutto questo!

E diciamolo pure: LA PAURA FA LEVA SU TUTTI!

Lei non ha fatto che questo, ha giocato sulla paura della gente, semindando con i suoi libri e le sue affermazioni ODIO e MENZOGNA!

L'Islam non è tutto rosa e fiori, certo, ma neppure tutto il cristianesimo lo è stato!

LE CROCIATE TI RICORDANO QUALCOSA PER CASO?

L'INQUISIZIONE?

Con questo non giustifico in alcun modo i TERRORISTI ISLAMICI!

Il terrorismo va combattuto, siamo tutti d'accordo su questo, ma non seminando odio e razzismo!

Cosa ne pensi?

19 settembre, 2006 12:56  
Anonymous enrix said...

Ecco cosa penso:
che giustappunto, le crociate e la santa inquisizione, sono roba di parecchi secoli fa . Nel frattempo, mentre questi secoli passavano, nella società civile occidentale sono avvenute alcune trasformazioni, e non di poco conto. La parola "eretico" per fortuna oggi suona del tutto estemporanea, e nessun cittadino europeo può pensare di correre rischi o svantaggi di sorta dichiarandosi non credente o quantomeno per il voler proporre interpretazioni delle sacre scritture o visioni dell'immanente diverse da quelle ufficiali della chiesa cattolica. Le differenziazioni sociali ed il classismo si sono alleggerite, per non dire sgonfiate del tutto. Il denaro è sempre più strumento e sempre meno "status symbol" (non trovi che oggi chi fa sfoggio di ricchezza non fa che dimostrar cattivo gusto? Guarda Berlusconi...) Gli stati e le Nazioni hanno scritto leggi a cui qualsiasi cittadino può appellarsi. Si sono superati molti (anche se non tutti) tabù riguardanti la crescita civile dell'essere umano ed i suoi rapporti con la scienza e la tecnologia. Si è diffuso come sacrosanto ed irrinunciabile il concetto della libera informazione e del libero pensiero. Tu in questo blog puoi scrivere tranquillamente rivendicando la parità dei diritti delle donne, senza essere inserita in una "black-list" o peggio. Per il mondo islamico non è così. Questi secoli non sono passati. Nessuna trasformazione è avvenuta, salvo la crescita di alcune ricchezze individuali direttamente connessa con i poteri di sfruttamento dei pozzi di oro nero e con il controllo delle masse per mezzo della religione. Questa stasi è imposta dal corano. Organizza un movimento femminile in quei paesi, e finisci alla gogna. In molti di quei paesi le donne subiscono violenza carnale, e per questo vengono lapidate, perchè impure. La vita dell'essere umano non conta nulla. L'uomo non conta nulla. Solo Dio conta e la sua volontà. Chi si mette contro l'Islam, è morto (altro che libertà di pensiero!). Le città del peccato vanno distrutte (come Roma...hai visto come si è precipitato a far appelli su Al Jazeera ieri Veltroni?)
Un padre uccide la propria figlia, perchè vuol sposare un ragazzo italiano. E lo fa convinto di avere il conforto di Dio.
Vedi, io rifletto con attenzione sul tuo passo, quello della Paura, la paura che l'islam abbia il sopravvento sul mondo cristiano. C'è un dettaglio che non posso trascurare, in questa riflessione. Che molte regole dettate del Corano collidono col nostro codice penale, un codice penale che per l'appunto è il frutto di questi secoli di crescita e di battaglie civili. Se lo infrangiamo tu od io, giustamente rischiamo la galera. In Spagna come nel resto dell'Europa è reato far circolare monete diverse da quelle coniate dallo Stato. Eppure in Andalusia, regione ad alta concentrazione di Musulmani, circola liberamente una moneta con l'effigie di Maometto, coniata da quei Musulmani, e le Autorità tollerano. Secondo te queste son cose di cui non si dovrebbe aver paura?
La Fallaci ha raccontato questo nei suoi libri, e per questo è colpevole? Veramente ha denunciato questo, secondo te, per paura anzichè più semplicemente per sconcerto?
da una parte non c'è un movimento di integralisti, non c'è un iman, non c'è un Bin Laden. C'è un'intiera civiltà ferma ed irremovibile su di un libro del 700 (700, non 1700). Di qua ci son 1300 anni di battaglie civili portate avanti da persone come te e me, c'è la repulsione per la violenza nei più, c'è la tolleranza per il pensiero degli altri (anche del papa), c'è l'abolizione della pena di morte, c'èil pacifismo come concetto alto e nobile, non c'è nessuna jihad, nessuna guerra santa, nessuna lapidazione. Ma dimmi, secondo te con quanta veemenza vanno difesi questi 1300 anni di battaglie civili? Davvero credi che la Fallaci abbia esagerato nei toni? Vale così poco tutto questo?
Quasi parrebbe, a sentir certe campane, che ignobile non è la lapidazione o l'assassinio di una donna innocente (che avviene ogni giorno anche mentre tu mi stai leggendo), ma più chi, come la Fallaci, questa lapidazione la denuncia come atto ignobile ed ignobilmente tollerato a testa bassa dalla nostra società civile...

a te la palla!

19 settembre, 2006 14:09  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Caro Enrix,

mi trovo d'accordo su molti punti di quello che dici, tra cui:

- il denaro;

- la black list;

- i crimini commessi in nome di Allah;

ma con questo non puoi affermare che per il Corano "la vita dell'essere umano non conta nulla". Che "solo Dio conta e la sua volontà". Oppure che "chi si mette contro l'Islam, è morto".

Il Corano non afferma questo!

Prova a leggere il Corano e confrontalo con le tue affermazioni.

Quando dici "Ma dimmi, secondo te con quanta veemenza vanno difesi questi 1300 anni di battaglie civili? Davvero credi che la Fallaci abbia esagerato nei toni? Vale così poco tutto questo?", io ti rispondo:

CERTO CHA VANNO DIFESI I NOSTRI DIRITTI, LE NOSTRE BATTAGLIE CIVILI, LA NOSTRA CULTURA, LA NOSTRA RELIGIONE, MA IN MANIERA PACIFICA E SENSATA!

Dio ci ha donato la ragione, la quale ci distingue tra tutti gli esseri viventi del nostro pianeta.

Usiamola con giudizio, con il cuore, con bontà!

Gesù non diceva: "amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi?"

19 settembre, 2006 15:19  
Anonymous enrix said...

Che vuoi che ti dica? Vogliamo aderire al pensiero di Gesù senza se e senza ma? Allargo le braccia, come Don Camillo, e dico, che Dio ce la mandi buona....
C'è una Sura del Corano, non ricordo quale, però l'ho letta e riletta e la ricordo bene, dove Maometto indica ai fedeli una missione precisa, quella di avanzare nel territorio degli infedeli ed islamizzarlo. Contestualmente il profeta invita i fedeli a non esitare ad usare la forza se necessario, per realizzare la missione. L'ho letta nel 1979/80, questa Sura, ma la ricordo bene. Ed ora ti domando: sei sicura, ma proprio sicura, che il flusso migratorio perenne dall'oriente all'occidente,(sottofondi dei cassoni di autocarro, containers, navi, chiatte traballanti, cerberi caronti e così via...)sia imposto solo e soltanto dalla fame, dalla voglia di benessere, dalla ricerca di un lavoro e cose del genere? La metteresti tu la mano sul fuoco che non si tratta di un flusso pianificato?
"Le considerazioni riferite dal Papa, citando l'imperatore bizantino Manuele II Paleologo, sulla diffusione dell'islam tramite la spada, sia da parte di Maometto all'interno della Penisola Arabica sia da parte dei suoi successori nel resto del mondo (con talune eccezioni), sono un fatto storico incontrovertibile. Lo attesta lo stesso Corano e la realtà del passaggio all'islam dell'insieme dell'impero bizantino a est e a sud del Mediterraneo, più la successiva espansione a nord in Europa e a est in Asia.
(...)L'ideologia dell'odio è una realtà ancestrale che esiste in seno all'islam sin dai suoi esordi, per il rifiuto di riconoscere e di rispettare la pluralità delle comunità religiose che sono fisiologiche data la soggettività del rapporto tra il fedele e Dio e l'assenza di un unico referente spirituale che incarna l'assolutezza dei dogmi della fede. Ed è una realtà che, a partire dalla sconfitta degli eserciti arabi nella guerra del 5 giugno 1967, ha registrato un'inarrestabile impennata parallelamente alla crescita del potere degli estremisti islamici dall'Iran all'Indonesia. Fino a sfociare nella deriva del terrorismo islamico globalizzato, che ha trasformato l'Occidente stesso in una «fabbrica di kamikaze».
Questa è la tragica realtà dell'ideologia dell'odio che riesce a coagulare il consenso tra tutti i musulmani obnubilati dall'antiamericanesimo, dall'antioccidentalismo e dall'ostilità pregiudiziale al diritto di Israele all'esistenza. I pretesti che possono scatenare la loro furia mutano, dall'occupazione israeliana alla guerra americana, dalle vignette su Maometto alle dichiarazioni del Papa. Ma il problema è tutt'interno a un islam trasformato dagli estremisti da una fede in Dio in un'ideologia tesa a imporre un potere teocratico e totalitario su tutti coloro che non sono a loro immagine e somiglianza. E mi spaventa constatare che anche i cosiddetti musulmani moderati hanno rinunciato al senno della ragione e si siano allineati alla "guerra santa" di cui loro saranno le principali vittime."

Queste ultime parole nel virgolettato non sono mie, nè di Oriana Fallaci, ma di Magdi Allam, Vicedirettore del corriere della sera. Un musulmano, grazie a Dio. Forse c'è un filo di speranza...

19 settembre, 2006 16:14  
Anonymous enrix said...

Ultima ora, Da: "La Repubblica"

Tripoli, 15:45
PAPA:GHEDDAFI JR.,RATZINGER SI DIMETTA E CONVERTA A ISLAM
Benedetto XVI si dovrebbe dimettere e convertire all'Islam. Lo ha detto Moamer Gheddafi, il figlio maggiore del leader libico, respingendo le "scuse" del Papa dopo le dichiarazioni fatte a Ratisbona. "Se questa persona fosse realmente ragionevole non dovrebbe restare un minuto di piu' al suo posto, ma dovrebbe convertirsi all'Islam", ha detto Moamer Gheddafi nel corso di una competizione internazionale di memorizzazione del Corano a Tripoli. Gheddafi junior giudica "irrilevanti le scuse del Papa" e ha aggiunto che i musulmani "non dovrebbero mostrare carita' verso gli infedeli, ma dovrebbero combattere i nemici dell'Islam che attaccano la fede e il profeta Maometto".

19 settembre, 2006 16:23  
Anonymous Anonimo said...

Coglione! uno come te non potrebbe neppure pulire le scarpe ad una persona come la Signora Oriana Fallaci, figuriamoci se sei in grado di poter esprimere un giudizio sui suoi scritti... mna chi credi di essere? Cosa hai mai fatto nella tua inutile vita per poter parlare di una donna così? Vergognati e vatti a nascodere dopo aver chiuso questo inutile blog.

19 settembre, 2006 19:48  
Anonymous enrix said...

Eh no, però se la discussione va su questi livelli, cioè dell'insulto e del disprezzo fra di noi, si fa il gioco degli integralisti. Oriana non ne sarebbe contenta. La persona che coordina questo Blog non ha soltanto organizzato un dibattito interessante, ma esprime anche le proprie convinzioni in buona fede, e pertanto io mi dissocio da chi vuole insultarla ed offenderla.
Sappiamo almeno distinguere tra chi vuol scambiar le proprie opinioni in assoluta buona fede e con buone intenzioni, ed i politici di mestiere che esprimono opinioni, od addirittura prendono certe posizioni (come abbandonare l'aula quando si commemorano idefunti che del nostro paese han fatto la storia) perchè magari sono nel libro paga di alcuni movimenti islamici e dei loro uffici di rappresentanza nel canton ticino....

19 settembre, 2006 20:38  
Anonymous Anonimo said...

la donna di solito e' mentalmente e fisicamente inferirore all'uomo. basta vederle guidare.

20 settembre, 2006 04:46  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"Un anonimo ha detto...
Coglione! uno come te non potrebbe neppure pulire le scarpe ad una persona come la Signora Oriana Fallaci, figuriamoci se sei in grado di poter esprimere un giudizio sui suoi scritti... mna chi credi di essere? Cosa hai mai fatto nella tua inutile vita per poter parlare di una donna così? Vergognati e vatti a nascodere dopo aver chiuso questo inutile blog."

E TU COSA HAI FATTO NELLA TUA VITA?

SEI TALMENTE IGNORANTE DA NON REGGERE NEPPURE UN DIALOGO CIVILE!

SEI COME GLI INTEGRALISTI ISLAMICI, NE' PIU' NE' MENO!

IO POSSO ESPRIMERE TUTTI I GIUDIZI CHE VOGLIO SULLA FALLACI, CHI DIAVOLO SEI PER IMPEDIRMELO?

E LA PROSSIMA VOLTA ALMENO FIRMATI...VIGLIACCO CHE NON SEI ALTRO!

20 settembre, 2006 10:46  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"C'è una Sura del Corano, non ricordo quale, però l'ho letta e riletta e la ricordo bene, dove Maometto indica ai fedeli una missione precisa, quella di avanzare nel territorio degli infedeli ed islamizzarlo. Contestualmente il profeta invita i fedeli a non esitare ad usare la forza se necessario, per realizzare la missione. L'ho letta nel 1979/80, questa Sura, ma la ricordo bene".

Se riesci a farmela avere ti sarei molto grato!

Ciao :)

20 settembre, 2006 12:28  
Anonymous enrix said...

La sto cercando, non ho un corano sotto mano (lo sai che avere un corano senza essere musulmano, è proibito da quella religione?)

nel frattempo però ho qui alcuni passi, parecchio compatibili con il mio discorso, che avevo già appuntato nel mio archivio elettronico, a mano a mano che mi capitava di leggerli.

Eccone una interessante:

«O voi che credete! Se non vi lancerete nella lotta, Allah vi castigherà con doloroso castigo e vi sostituirà con un altro popolo, mentre voi non potrete nuocerGli in nessun modo» (Sura 9:39).

Ma anche queste altre non lasciano molto spazio ad interpretazioni "moderate":


“Uccidete gli infedeli ovunque li incontriate. Questa è la ricompensa dei miscredenti.” (Sura 2:191)

«Instillerò il mio terrore nel cuore degli infedeli; colpiteli sul collo e recidete loro la punta delle dita... I miscredenti avranno il castigo del Fuoco! ... Non siete certo voi che li avete uccisi: è Allah che li ha uccisi» (Sura 8:12-17).

«Profeta, incita i credenti alla lotta. Venti di voi, pazienti, ne domineranno duecento e cento di voi avranno il sopravvento su mille miscredenti» (Sura 8:65).

"La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l'ignominia che li toccherà in questa vita; nell'altra vita avranno castigo immenso" (Sura 5;33)

“Vi è stato ordinato di combattere, anche se non lo gradite. E' possibile che abbiate avversione per qualcosa che invece è un bene per voi, e può darsi che amiate una cosa che invece vi è nociva. Allah sa e voi non sapete. ” (Sura 2:216).

«Quando poi saranno trascorsi i mesi sacri ucciderete gli idolatri dovunque li troviate, prendeteli, circondateli, catturateli ovunque in imboscate! Se poi si convertono e compiono la Preghiera e pagano la Decima, lasciateli andare» (Sura 9:5).

«Combattete coloro che non credono in Allah e nell'Ultimo Giorno, che non vietano quello che Allah e il Suo Messaggero hanno vietato, e quelli, tra la gente della Scrittura, che non scelgono la religione della verità, finchè non versino umilmente il tributo, e siano soggiogati.
Dicono i giudei: "Esdra è figlio di Allah"; e i cristiani dicono: "Il Messia è figlio di Allah". Questo è ciò che esce dalle loro bocche. Li annienti Allah. Quanto sono fuorviati!» (Sura 9:29-30).


Poi c'è quest'altra, che non mi pare uno scherzo:

«Quando incontrate gli infedeli, uccideteli con grande spargimento di sangue e stringete forte le catene dei prigionieri» (Sura 47:4).

Come puoi ben vedere, il senso comune di queste sure, è chiaro.
Vedi, quello a cui vorrei richiamare l'attenzione, è che la polemica stimolata dal papa nei giorni scorsi, non è assolutamente priva di fondamento. Si vede bene infatti nei versetti precedenti, di come Maometto sia realmente consapevole che il suo richiamo od appello a vari spargimenti di sangue può scontrarsi con la ragione e con la sensibilità umana.
Di qui il suo invito a non preoccuparsi e ad agire comunque, senza scrupoli: "« ... Non siete certo voi che li avete uccisi: è Allah che li ha uccisi»
E caso mai l'uomo non volesse eseguire quest'ordine, assalito da dubbi o da pruriti di pura bontà e tolleranza nei confronti degli "altri" (come invece precvede la nostra religione "Allah vi castigherà con doloroso castigo e vi sostituirà con un altro popolo", cioè con un popolo "con le palle", qualcuno che non si faccia scrupolo di contare un numero di morti con molti zeri.

Mi pare che basti. Altro che la Fallaci. Ora devo pranzare e mi sta passando l'appetito.

20 settembre, 2006 13:26  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Per Enrix,

be' alcuni passi sono davvero inquietanti.

Ma sei sicuro che il significato di questi versi siano a favore della Jihad?

Anche nella Bibbia vi sono passi davvero "poco raccomandabili"!

Prova a vedere nell'Antico Testamento.

20 settembre, 2006 13:55  
Anonymous pezzuto said...

La verità, a prescindere dalla condivisione o meno di quello che scriveva, è che con Oriana se ne va una delle poche VERE giornaliste rimaste...

Il giornalismo libero in Italia è sempre più desolato.

Addio Oriana

20 settembre, 2006 14:04  
Anonymous enrix said...

Ed eccoci arrivati al punto, Fallagirare.staff (ma avrai anche un nome vero, no?), o meglio ritornati all'inizio del cerchio. Certo che nella Bibbia ci sono passi "poco raccomandabili". Ma io non mi metterò certo a preparare un foglio di excel per mettere a confronto i passi dell'uno con quelli dell'altro. Non serve. La nostra società occidentale quei passi li ha già reinterpretati e superati. La loro strumentalizzazione da parte delle chiese per soggiogare i popoli è roba di altri evi. Le sure qui di sopra invece vengono lette e producono testosterone quotidianamente, ancora oggi, in milioni di musulmani. Che vivono anche in mezzo a noi. E qualcuno di loro raggiunge anche l'orgasmo, facendo il kamikaze. Qui sta l'enorme differenza.

20 settembre, 2006 14:59  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Sì Enrix, ho anch'io un nome: Massimiliano.

;)

20 settembre, 2006 15:22  
Anonymous Demetrio said...

Anche nella Bibbia vi sono passi davvero "poco raccomandabili"!

Prova a vedere nell'Antico Testamento.


Se non sbaglio i cristiani seguono il Nuovo, di Testamento, che ha "compiuto" e "rinnovato" il vecchio.

E dove è scritto chiaramente che "questo [la legge di Mosè, in particolare l'«occhio per occhio»] è stato scritto per l'iniquità dei vostri padri, (...) ma io vi dico: a chi ti percuote una guancia, porgigli anche l'altra".

Il che non significa essere "fessi" e accettare qualunque cosa.

C'è una bella differenza tra un testo del 700 che è molto più indietro (nei concetti della moderna civiltà) rispetto ad un testo di 600 anni prima, e che pretende anche di superarlo!

Detto questo, il mio massimo rispetto va al credo e al non-credo di chiunque, purché questo chiunque non pretenda che le proprie idee debbano prevaricare quelle degli altri e soprattutto pretenda di fare a modo proprio in casa d'altri.

Gli italiani che vanno all'estero (Germania, Svizzera, e ce ne sono tanti), se non si adattano e non rispettano le leggi, vengono rimandati a casa.
Lo stesso succeda anche per gli altri, in casa nostra. Perché consentire che un altro, per supposto "motivi di fede" infranga le leggi che ci siamo date e che accettiamo? Se non gli vanno bene, tornino a casa loro, è tanto semplice! Oppure la tolleranza che trovano da noi gli fa comodo, mentre poi pretendono di praticare tranquillamente la LORO intolleranza?

Mi sembra che Oriana Fallaci abbia avuto uno sguardo lungo, molto più di tanti altri. Siamo ancora in tempo (forse) a mettere dei paletti (ossia, semplicemente, a pretendere che le nostre leggi vengano rispettate nel nostro territorio).

Mai come stavolta sono stato d'accordo sulle parole di questo Papa, di cui contesto moltissime altre cose dette e fatte, proprio per gli stessi motivi di cui sopra: nessuno è al di sopra della legge.

Se il cristianesimo è materia di coscienza, si dica pure ciò che la Chiesa Cattolica suggerisce, lasciando poi libertà di coscienza, appunto.

Non è forse questo il Papa che (da cardinale Inquisitore) ha scomunicato oltre 300 teologi perché sostenevano che la Chiesa deve rivolgersi ai poveri e agli umili della Terra?

E non è lo stesso Papa che - se non fosse stato tale - sarebbe oggi sotto processo negli Stati Uniti per aver coperto lo scandalo dei preti pedofili proprio negli USA?

E non è la Chiesa Cattolica che, pur di non venir meno ai SUOI princìpi (leggi: del magistero, non del Vangelo), lascia che muoiano a milioni di AIDS pur di non consentire anche a coppie SPOSATE l'uso di preservativi (chiamiamoli pure profilattici, perché di PROFILASSI si tratta, non di "svago")? Non era forse Cristo che disse "la Legge è per l'uomo, non luomo per la Legge", quando infrangeva il Sabato per aiutare chi soffriva?

E' sempre l'eccesso, la rovina di tutto: l'intolleranza, ma anche l'eccessiva tolleranza.

Abbiamo oggi delle grandi conquiste di civiltà da preservare, alcune sono state anticipate millenni fa da Cristo o da altri grandi personaggi che hanno calcato la Terra.

Se poi seguono periodi e insegnamenti oscuri, noi che ormai abbiamo visto un po' di luce, perché dovremmo tornare indietro?

Per "conquiste della civiltà" non mi riferisco soltanto, né ovviamente, a quelle che normalmente si attribuiscono alla Chiesa Cattolica, la quale peraltro - contrariamente agli insegnamenti del Vangelo - è stata per secoli più che oscurantista (il Medioevo è finito solo poco più di 500 anni fa, non dimentichiamolo, e il latino come "lingua sacra" si usava fino a poche decine di anni fa).

Mi riferisco all'eredità delle grandi civiltà come l'egiziana, quella greca e quella romana, ma anche all'illuminismo. A tutte quelle che hanno portato passi in avanti nella definizione di dignità dell'uomo e del creato.

Passi indietro ce ne sono stati tanti, prima e dopo, non ripetiamoli...

----------

Su Napoli:
Siccome ci sono stato spesso e più o meno volentieri, spero che fallagirare.staff non parlasse per sentito dire ma per esperienza diretta (magari sei di Napoli).

Come per tutto, esistono molte sfaccettature: ai bivacchi negli ospedali non ho assistito, ma a scene di maleducazione e inciviltà (sia da parte dei degenti e familiari, che degli ospedalieri), sì.

Come anche a scene di grande civiltà ed educazione.

Sono sempre i maleducati e gli incivili a mostrare di un popolo la parte peggiore.

Ma, grazie a Dio, sono solo una percentuale del tutto.

Ciao.

20 settembre, 2006 16:25  
Anonymous enrix said...

Grazie, massimiliano, naturalmente enrix sta per enrico.

Ho trovato molto interessante anche l'intervento di Demetrio, che quale scrutatore dei fatti interni della Chiesa pare certo più attento del sottoscritto. Resta comunque un paletto inamovibile: la violazione dei principi morali stabiliti o richiamati dalla chiesa Cattolica al giorno d'oggi riguardano soltanto l'intimità dei fedeli. Nessuna punizione corporale è prevista per il trasgressore di una prescrizione papale oggi in Occidente, a meno che questa coincida perfettamente con qualche articolo del Codice Penale di uno stato democratico, e democraticamente accettato dal popolo (es: il furto, o l'omicidio). Se questa sia una conquista dell'uomo più o meno recente, poco importa. E' una conquista. L'islam invece è pura e semplice teocrazia. Costì il popolo non decide un bel niente. Uomini figli di Dio muoiono ogni giorno a causa del libro scritto, centinaia di anni fa, da un uomo che aveva ben tempo per pensare a ciò che scriveva, e condire con tutti gli ingredienti che potessero trasformare il suo libro in un best-seller del medio oriente di allora. Infatti era maritato con una ricca possidente di cammelli, e pertanto non aveva problemi a sbarcare il lunario.

E quindi, trovava il tempo di scrivere anche alcune amenità a proposito delle donne, come queste:

"...Esse hanno diritti equivalenti ai loro doveri, in base alle buone consuetudini, ma gli uomini sono superiori . Allah è potente, è saggio." (Sura 2:228)

"Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono [per esse] i loro beni. Le [donne] virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che Allah ha preservato. Ammonite quelle di cui temete l'insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse. Allah è altissimo, grande." (Sura 4:34)

20 settembre, 2006 17:24  
Anonymous enrix said...

Scusa Massimilano, ma proprio non resisto. Siccome su questo topic hai cominciato parlando di deliri in relazione agli scritti di Oriana Fallaci (ma io spero di averti fatto cambiare idea anche solo un pochino), allora leggetevi quest'ambrosia del "regista" Massimo Mazzucco. Ve la ricopio integrale perchè di cotanto nettare non bisogna perder neppure una sillaba:

--->Povero papolino, "lo hanno capito male". Lui non intendeva affatto offendere un miliardo di musulmani, quando ha detto che l'Islam è una religione che non ha aggiunto nulla a quello che già esisteva, se non il sangue della spada con cui farebbe proseliti nel mondo. Anche perchè non è stata una frase così, che gli è uscita per caso, mentra chiacchierava al bar con un amico, ma ha dovuto scomodare addirittura un Santo del 14 secolo per esprimere quel concetto. E lo sappiamo tutti che al buon Benedetto le citazioni escono sempre così, ad impromptu. Lui mica se ne accorge, lui non è un politico, è un uomo dello spirito. Lui non è un cinico calcolatore, che tira fuori questa frase proprio in questo momento delicatissimo nei rapporti fra Islam e resto del mondo. No, a lui le citazioni vengono a caso, come le slot machines di Las Vegas: lui tira la leva, e poi se per caso gli esce Islam/criminali/arabi, piuttosto che terroristi/arabi/Islam, lui che ci può fare?

Tenero dolce Benedettone, dì la verità, una volta tanto, dillo a voce alta, che ti ritrovavi così a tuo agio, nella tua cara vecchia Germania, che a un certo punto hai sentito il braccino destro ...

... che ti tirava sotto la tunica, e poi di colpo si stendeva dritto verso l'alto, potente e inarrestabile, come al Dottor Stranamore.

Dillo che non ne puoi più, di questi pezzenti beduini che ti hanno rovinato il capolavoro assoluto fatto dai tuoi Padri Predecessori, che in trecento anni di dure lotte erano riusciti a trasformare una splendida religione come quella di Gesù in una efficiente e spietata macchina per il controllo dell'umanità… e poi ti arriva quel maledetto Profeta, che ti alza le gonne e mostra che siete più impuri di qualunque putrida bestia che tanto disdegnate, bardati di oro e di porpora, rinchiusi nel vostro castello di ghiaccio delle mura vaticane.

Vieni a vedere chi semina sangue nel nome di Dio, caro Benedetto, vieni fuori da quelle mura, e andiamo a farci un bel giretto nei quartieri della città fantasma che una volta era Falluja: le vedi, quelle strade deserte? Sono appena state cementate, per coprire un terreno radioattivo quasi quanto Cernobyl. Le vedi quelle case vuote? Sono le stanze dove i bambini che giocavano sono stati bruciati vivi dalle bombe al fosforo buttate dai cristiani del tuo amico americano. Sì, quello con gli stivali, quello da cui ti sei sempre dimenticato di dissociarti, ogni domenica, quando parli di pace dal tuo balcone inarrivabile in San Pietro.

E se per caso non ti piacessero i protestanti, non c'è nessun problema, possiamo fare fuori pure loro. In fondo, non era il vescovo di Zagabria, Stepinac, che solo una sessantina di anni fa - tu ne avevi già diciotto, dovresti ricordartelo - dava la benedizione in piazza agli Ustasha di Ante Pavelic, assolvendoli in anticipo per la carneficina di cristiani ortodossi che si apprestavano a fare "nel nome del Signore"?

Massimo Mazzucco

Vorrei tanto discutere con M.Mazzucco di questa sua bella visione delle cose, magari quando ci ritroveremo insieme un bel giorno in qualche C.I.M.
Ho delle ragioni personali per farlo, che non posso rilevarvi. Oggi invece non commento. Ho bisogno di respirare un po' d'aria fresca prima. Magari domani.

20 settembre, 2006 20:26  
Anonymous Anonimo said...

fallagirare, fai girare le pagine dei libri della fallaci perche non li hai mai letti e li giudichi da vero ignorante !!

20 settembre, 2006 21:08  
Anonymous Anonimo said...

medusa si.... mi piacciono le donne violente ti farei un po' di sadomaso

21 settembre, 2006 02:46  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Grazie per l'offesa caro anonimo!

Vedo che sei molto coraggioso!

21 settembre, 2006 12:39  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Caro Enrico,

a dire la verità non conosco questo Massimo Mazzucco!

Di cosa vorresti discutere con lui?

21 settembre, 2006 12:45  
Anonymous enrix said...

Ed eccomi qui, come promesso e dopo aver respirato lungo, per posar due crisantemi sul pezzo raro del sig. Mazzucco. Non lo nego, io di norma son calmo e rilassato, ma a veder quello mi ribolle il sangue e tendo a perdere il controllo. Ho più di una ragione, e qualcuna, come ho detto, non posso rivelarla. Comunque andrò a braccio, perchè c'è tanta menzogna e tanto delirio, in quelle parole, che mi viene difficile decidere da dove cominciare.
Inizierò dal centro, tanto per...

E dunque il Vaticano sarebbe un castello di ghiaccio?
Molto atipico, come monumento di ghiaccio. Da quel ghiaccio partono ogni anno centinaia di Suor Leonelle, incuranti delle proprie cose e di ciò che abbandonano, pronte ad un estremo sacrificio, cioè la morte, pur di mettere a disposizione sè stesse per chi ne ha veramente bisogno.
Non è curioso? Non hanno cineprese, nè lacchè, non ricevono fondi dalla commissione governativa per il cinema; sono ingenue, non sanno niente di quel cattivone di Bush e delle cospirazioni della Cia e di Bin Laden per far cadere le torri di New York e magari anche molte altre; non si domandano se i campi di pomodori nella striscia di Gaza sian stati seminati dai palestinesi o dagli israleliani. Loro aiutano gli altri. Semplicemente. Vanno avanti dritte, sino alla morte, e continuano a farlo sino a che hanno un soffio di vita, che gli serve ancora per il loro estremo gesto, il chieder perdono a Dio per i propri assassini.
Lei invece, Sig. Mazzucco, tutte quelle cose le sa benissimo. Eccome se le sa. Quelle cose fondamentali. Riesce a configurar cospirazioni, dalla più piccola alla più grande (dal furto delle terre ai palestinesi, agli spargimenti di scorie radioattive -fattiappostastilecattivikperchèsonocattivicattiviechegustoc'èabuttarbombesenonsonoradioattive- ai finti crolli delle torri americane).
Ci fa dei film. E li vende alla televisione, così, guarda caso, si mette anche in tasca qualcosa.
Poi fa anche del cinema vero, eh si dimenticavo. Magari con qualche euro per gentile concessione della commissione di stato per il finanziamento del cinema, perchè sono film "impegnati". Peccato che a fermare il primo che passa per la strada, o il secondo, ed a chiedergli se gli è piaciuto l'ultimo film del Sig. Massimo Mazzucco, la risposta è: e chi è Mazzucco? Invece provi a domandar se dice qualcosa il nome "Suor Leonella", al passante comune...

Evabbè, ci sono anche altri modi, per farsi un po' di pubblicità, come ad esempio dileggiare il papa stravolgendo la storia.
Perchè a me pare che l'occidente negli ultimi trecento anni, ci sia riuscito da solo a costruire le grandi democrazie, in grado di promuovere leggi come quella sull'aborto o sul divorzio o sulla libertà di stampa e di pensiero, nonostante quei cattivoni della chiesa cattolica fossero qui a due passi. Tutto da soli, abbiamo fatto, noi cittadini, e mi permetta di garantirle che nessun beduino ci ha aiutato...

Non posso più andare avanti perchè rubo troppo spazio a questo blog, che me lo concede gentilmente.

Ma si legga qualcuna delle sure che ho scritto qui sopra, quelle sono legge, per quei quattro beduini di cui ci racconta...

... e mi scusi tanto se io diffido di quelle sure e di quei quattro beduini più che del nostro papa... sa com'è, io non faccio nè il giornalista nè il regista, e nessuno mi paga per cercar cospirazioni....

per nulla affatto cordialmente

21 settembre, 2006 16:19  
Anonymous enrix said...

Se mi dai un indirizzo personale, ti mando un PM e ti dico chi è.

21 settembre, 2006 16:23  
Anonymous enrix said...

Ops, scusa, e come fai a darmelo se il mio non ce l'hai?

21 settembre, 2006 16:26  
Blogger Fallagirare.Staff said...

"enrix ha detto...
Ops, scusa, e come fai a darmelo se il mio non ce l'hai?"

Non capisco...

21 settembre, 2006 17:52  
Anonymous enrix said...

ehehe, no, semplicemente se avessi avuto un tuo indirizzo di posta elettronica mi sarebbe piaciuto dirti una cosetta in privato, una sciocchezzuola.

21 settembre, 2006 19:02  
Blogger Fallagirare.Staff said...

Per Enrix e per chi volesse comunicare con me in privato:

secretgate@aliceposta.it

Ciao!

21 settembre, 2006 22:58  
Anonymous Anonimo said...

orianna ha pienamente ragione!
anche se a me lei non interessa

22 settembre, 2006 22:36  

Posta un commento

Links to this post:

poisted

Crea un link

<< Home

Liste Civiche Nuovo Rinascimento
 

Google
Web falla-girare.blogspot.com
 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Giornalismo su BLOO.it

Bloggoteka

Blog-Show la vetrina italiana dei blog! ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Superba.it

SpazioLink.com>

Blogarama - The Blog Directory  

L'autore del blog NON si assume alcuna responsabilità sui contenuti dei commenti. I commenti ritenuti offensivi o non attinenti potranno essere cancellati. Per qualsiasi informazione: fallagirarestaff@yahoo.it